Home Tutte le News Notizie Generali Referendum: Vince il SI, quorum raggiunto
E-mail Stampa PDF

 

Referendum: SI a valanga, quorum raggiunto; in Italia scoppia la festa

 

CGIL Catania - L'Italia guarda al futuro nel rispetto dei beni comuni. Un futuro, rivendicato da 26milioni e 850mila italiani con il referendum del 12 e 13 giugno, fatto di acqua pubblica, energia pulita e rinnovabile, e in cui si ribadisce che la giustizia deve essere uguale per tutti. Angelo Villari "A Catania percentuali più basse ma significative"; Giusi Milazzo "Si apre nuova stagione".
 
“Il raggiungimento del quorum in questi referendum dimostra che gli italiani possiedono una forte consapevolezza dei propri diritti. Catania ha rivelato percentuali di partecipazione più basse rispetto alla media nazionale, ma che giudichiamo comunque significative a dispetto di una comunicazione istituzionale inesistente e di gravi difficoltà quotidiane che qualche volta possono portare in secondo piano la consapevolezza di cittadinanza”. Questo il commento del segretario generale della Camera del lavoro, Angelo Villari. “ La Cgil si ritiene soddisfatta per il risultato ottenuto: la formula di cooperazione con le associazioni cittadine si è rivelata vincente- conclude il segretario-. E' stato compreso il significato di concetti importanti come il diritto all'acqua pubblica e alla salvaguardia dell'ambiente, ma anche di democrazia diretta, perché come abbiamo sostenuto sin dal primo momento, questo referendum rimane una “questione di diritti”.
Sui risultati referendari è intervenuta anche Giusi Milazzo, responsabile dipartimento Beni comuni della Cgil. “Si apre una nuova stagione che impone nuove scelte sulla gestione dei beni comuni e su un nuovo modello di sviluppo energetico sostenibile. Viene confermata con forza l'idea che il principio costituzionale dell'uguaglianza dei cittadini nei confronti della legge  è ancora un valore da difendere. E' una vittoria importante anche per i tanti cittadini che attraverso i comitati si sono scommessi con un impegno capillare e continuo.
E' importante adesso saper capitalizzare il risultato creando un forte coordinamento per raggiungere quei risultati e quei traguardi che la vittoria referendaria fa intravedere”.
 
RMDN
Ultimo aggiornamento Mercoledì 15 Giugno 2011 10:20