Home Tutte le News Notizie Generali CGIL e Fiom su Saras
E-mail Stampa PDF
Il lavoratore catanese scomparso alla Saras, le condoglianze di Fiom e Cgil di Catania
 
 
 
La Fiom Cgil di Catania, unitamente alla Cgil di Catania, esprime vicinanza alla famiglia di Paolo Pulvirenti, giovane lavoratore siciliano trasfertista di 25 anni, che è morto nella raffineria Saras, in Sardegna, a causa del non rispetto delle norme di sicurezza. L'ennesima morte di un giovane lavoratore metalmeccanico, addetto ad opere di manutenzione di una raffineria, quella della Saras dei fratelli Moratti a Sarroch vicino Cagliari in questo incidente, deceduto per aver inalato acido solforico fuoriuscito da un impianto della raffineria ove era stato obbligato a continuare a lavorare, anche se era stato già dato l'allarme per la presenza del pericoloso gas nervino. Il sindacato aveva già denunciato l'anno scorso, in occasione della tragedia che colpì altri tre lavoratori. che la Saras fosse un'azienda pericolosa, perché non rispetta le norme di sicurezza e i lavoratori addetti alla manutenzione sono permanentemente a rischio. La magistratura ha confermato questa valutazione e la Fiom , come sempre fa, si è costituita come parte lesa, ed anche oggi, per questo nuovo omicidio farà altrettanto. Non è possibile che si debba continuare a morire per il lavoro.
 
 
RMDN