Home Tutte le News Notizie Categorie Fiom: il 2 dicembre verifica dello stato dell’investimento 3Sun
E-mail Stampa PDF
3Sun, il prossimo 2 dicembre verifica dello stato dell' investimento
 
 
 
FIOM CGIL Catania - Dopo sollecitazione delle RSU delle segreterie territoriali e nazionali di Fim, Fiom e Uilm il Ministero dello Sviluppo Economico ha convocato un incontro per il prossimo 2 dicembre per la verifica dello stato dell'investimento della 3Sun in funzione della richiesta sindacale. Lo comunica la Fiom cgil di Catania e la rsu dell' azienda.
Nei giorni scorsi la FIOM di Catania ha invitato la 3Sun a rispettare gli impegni presi il 22 Luglio 2010 in sede ministeriale e sanciti nel contratto di programma, precisando che i finanziamenti pubblici per l’ammontare di €.49.055.000 sono stati concessi proprio a fronte di ben precise garanzie in termini di livelli occupazionali (319 unità lavorative) e sottolineando che l’unico modo per adempiere a quegli impegni consiste nel creare posti di lavoro non precari, cioè mediante l’applicazione di contratti a tempo indeterminato.
L’azienda ha risposto di non essere attualmente nelle condizioni di poter applicare altre tipologie di contratto se non quello a somministrazione di lavoro.
Secondo la Fiom di Catania, la 3Sun ha solo lasciato intendere che le incertezze conseguenti sia al crollo dei prezzi di mercato ma anche al dietro front delle banche finanziatrici , sono di fatto le uniche motivazioni plausibili.
Ciò è sufficiente a mettere in discussione l’intero contratto di programma. Spiegano il segretario provinciale della Fiom Stefano Materia e i rappresentanti sindacali: "Sarebbe opportuno tornare al tavolo del ministero per ridiscutere le condizioni in esso riportate. l’azienda, arrivando quasi a negare l’indiscutibile importanza di questo passaggio, ha risposto che è nell’interesse di tutti far partire la produzione, alludendo così al fatto che sollevando tali problemi staremmo in qualche modo minando le loro buone intenzioni".

Di fronte a tale atteggiamento di chiusura, "sarebbe stato molto utile poter promuovere delle iniziative unitarie, non volendo per l'ennesima volta nascondere il nostro punto di vista a tutti noto su quell'accordo separato.Accordo separato firmato da FIM e UGLM che non ha portato a nulla di buono ma anzi ha permesso che l'azienda ne approfittasse per ridurre il complesso delle tutele e dei diritti ai lavoratori. -continua Materia- D'altro canto, visto l'effetto devastante che i nuovi assunti devono continuare a subire a causa di quell'accordo separato, ossia la condizione di precari (come se non fosse bastato quello che già hanno ricevuto in STMicroelectronics in qualche caso per un decennio) crediamo sia sciocco recriminare successi o sconfitte; bisognerebbe rinunciare alle crociate personali o di sigla in difesa dell’accordo separato o del non accordo, e tentare, a partire da quanto previsto nel contratto di programma, di tutelare tutti i dipendenti attuali di 3SUN compreso chi oramai è stato inserito con rapporto interinale. Il pericolo è che, mentre ognuno tenta di difendere il proprio fortino, tutto attorno stia avvenendo qualcosa che rischia di diventare irreversibile.

Ultimo aggiornamento Giovedì 24 Novembre 2011 15:24