Home Tutte le News Notizie Categorie Flai Cgil Catania. Consorzio Bonifica. 151isti e 78isti completeranno le giornate di lavoro
E-mail Stampa PDF
Consorzio Bonifica Catania: 151isti e 78isti completeranno le giornate di lavoro previste dalla legge. Mandrà (Flai): «Importante, ma trattativa resta in salita»
 
 
Gli operai stagionali in forza al Consorzio di Bonifica della Sicilia Orientale (sede di Catania), i cosiddetti 151isti e i 78isti, svolgeranno per intero le giornate di lavoro previste dalla normativa regionale. Lo ha assicurato il Commissario straordinario del Consorzio, Francesco Nicodemo, nel corso di un incontro con i sindacati di categoria, rappresentati dai segretari propvinciali della Flai-Cgil, Fai-Cisl e Filbi-Uil e dalle R.S.A, a cui hanno partecipato anche i Vicedirettori generali Giuseppe Barbagallo e Gaetano Punzi.
Nel “Verbale d’incontro” sottoscritto alla conclusione, si legge: «È intendimento di questa amministrazione garantire ai lavoratori appartenenti alle “Garanzie Occupazionali” in forza all'Ente lo svolgimento delle 151 e 78 giornate previste dalle Leggi Regionali 4/2006 e 14/2010, subordinatamente alle disponibilità finanziarie dell'ente e nelle more del finanziamento regionale».
 
Ed ancora: «È intendimento di questa amministrazione avviare al più presto una ricognizione di tutto il personale (OTI, OTD, figure tecniche, agrarie e amministrative) al fine di valorizzare le professionalità interne, per poter migliorare la qualità e la quantità dei servizi resi all'utenza».
Soddisfazione è espressa dal Segretario Generale della Flai Cgil di Catania, Pino Mandrà, che sottolinea: «Riteniamo importante, innanzitutto, la ripresa del dialogo con il Consorzio di Bonifica, che significa riapertura delle relazioni sindacali con l’Ente. Questo avviene grazie all'impegno profuso da tutti e alla disponibilità mostrata dal commissario, che riteniamo cosa non da poco. La trattativa rimane in salita poiché il governo regionale non scioglie, ancora, la riserva sulle prospettive dei Consorzi di Bonifica in Sicilia. Per noi – conclude Mandrà – è un silenzio assordante sul futuro dei lavoratori».