Home Tutte le News Notizie Categorie Filcams Cgil Catania. Essequattro Srl (Centro Convenienza) al Centro Sicilia di Misterbianco massima adesione per il primo giorno di sciopero
E-mail Stampa PDF
Essequattro s.r.l. (Centro Convenienza) al Centro Sicilia di Misterbianco: oggi massima adesione per il primo giorno di sciopero. La protesta è stata prorogata sino all’ 8 agosto, in occasione di un incontro in Prefettura
 
 
I sindacati hanno registrato un’adesione totale allo sciopero iniziato oggi e indetto dalla Filcams Cgil di Catania, delle lavoratrici e dei lavoratori di Centro Convenienza (Gruppo Essequattro ) per la grave situazione vnutasi a creare a causa della mancata erogazione delle spettanze di giugno, luglio e 14ma. Un successo che ha convinto i lavoratori a prorogare la protesta è l’astensione dal lavoro sino all’8 agosto, data dell’incontro sulla vertenza fissato in Prefettura.
Il clima è segnato dall'insicurezza che vivono gli stessi dipendenti all'interno del punto vendita, causata dalle mancate consegne dei prodotti ai clienti che spesso protestano arrivando anche a vere e proprie aggressioni ai danni dei lavoratori.
 
Dichiarano Davide Foti, segretario generale della Filcams Cgil di Catania e Francesco Munzone, responsabile del dipartimento commercio Filcams Cgil Catania: “L'adesione massima dei lavoratori allo sciopero la dice lunga sulla gravità della situazione attuale, dove la mancata erogazione degli stipendi e il rischio fisico dei lavoratori, evidenzia come questa società non si sia rivelata pienamente affidabile. Questo movimento di lotta partito da Catania si è espanso in buona parte delle sedi italiane e del sud di Centro convenienza, passando da Palermo e approdando in Campania. Abbiamo tutta la volontà di rimettere in carreggiata questa macchina guidata da un management rivelatosi miope, e che investendo oltre le proprie disponibilità sta mettendo a rischio centinaia di posti di lavoro. Auspichiamo la loro presenza al tavolo prefettizio nella speranza che si riescano a trovare soluzioni condivise che se non subito praticabili metteranno sul lastrico non solo i lavoratori catanesi ma di tutti i punti vendita da Napoli in giù. Stiamo cercando inoltre una interlocuzione attraverso la Segreteria Nazionale per spostare il problema al ministero di competenza. La Filcams Cgil non lascerà da soli questi lavoratori".
 
Rmdn
 
Ultimo aggiornamento Venerdì 02 Agosto 2019 18:08