Home Tutte le News Notizie Categorie Spi Cgil Catania: Carmelo De Caudo rieletto segretario generale
E-mail Stampa PDF
Sindacato pensionati catanesi, Carmelo De Caudo rieletto segretario generale
 
 
Carmelo De Caudo è stato rieletto all’unanimità segretario generale dello Spi Cgil di Catania, il sindacato dei pensionati. La votazione è avvenuta ai lavori congressuali di oggi ai quali hanno partecipato il segretario di Spi Cgil Sicilia, Maurizio Calà, la segretaria nazionale, Vera La Monica e il segretario generale della Camera del Lavoro di Catania, Giacomo Rota. Nella sua relazione, De Caudo ha sottolineato che a Catania gli anziani sono sempre più poveri, “vivono al di sotto della soglia di povertà, fra i 500 e i mille euro, col rischio di una vera e propria frattura sociale”. Proprio per questa ragione, per lo Spi di Catania urge l’esigenza di impostare le politiche regionali e nazionali sul concetto di equità; per questo, il sindacato dei pensionati ritiene indispensabile la battaglia sulla redistribuzione del reddito in modo più equo.
“La situazione della nostra provincia è drammatica e l'alto numero di domande pervenute all'Inps per accedere al Rei misure di sostegno al reddito, che rappresenta il primo strumento nazionale e permanente di contrasto alla povertà dal carattere universale, lo conferma - ha detto De Caudo – . Infatti, i dati sulla povertà a Catania, città che conta 313.000 abitanti, evidenzia che la metà delle famiglie vive con un reddito inferiore ai 15.000 euro l’anno. In particolare, su 165.000 contribuenti 61.000 (il 37%) può contare solo su un reddito inferiore ai 10.000 euro l’anno, e altri 21.000 (il 13%) su un reddito da 10.000 a 15.000 euro l’anno. I disoccupati, dai 15 anni in poi, sono il 41,6% della popolazione, un dato enorme di gran lunga maggiore rispetto alla media delle grandi città italiane. A questo si aggiunge che ben il 40% dei giovani tra i 15 e i 29 anni non studia, non è in formazione e non lavora. Ancora il 18% dei catanesi vive in famiglie senza reddito poiché nessuno lavora o percepisce una pensione. Infine va ricordato che nel 2017 le richieste di esecuzione di sfratto sono state 746”.

Rmdn