Venerdì 14 Settembre 2018 20:56
Stampa
Catania. Lunedì 17 convegno sul tema: "Sicilia: quale assistenza in Salute Mentale”
 
 
Presentazione di un documento congiunto elaborato dalla CGIL e dalle associazioni all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza. Interverrà il segretario nazionale della Cgil Medici, Andrea Filippi
 
 
Il convegno regionale "Sicilia: quale assistenza in Salute Mentale” organizzato dalla Fp Cgil Siciliasi terrà lunedì 17 Settembre dalle 9,30 alle 13,30 all’Hotel Nettuno di Catania. All’iniziativa regionale parteciperanno le associazioni dei familiari e degli utenti, le centrali cooperative, gli esponenti del Terzo Settore, della SINPIA (Società italiana di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza) e del Coordinamento regionale Comunità Alloggio. Nel corso del convegno, a cui sarà presente l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, sarà presentato un documento congiunto elaborato dalla CGIL e dalle associazioni presenti ai lavori. Obiettivo dell’incontro: proporre soluzioni a sostegno del comparto, istituire un tavolo di concertazione con l’assessorato regionale alla Salute per discutere sia delle riforma dell’assistenza in Salute Mentale sia dei provvedimenti urgenti da adottare; sensibilizzare i gruppi parlamentari all’ARS sulle tematiche della Salute Mentale.
“Le proposte sono il frutto di un’ attenta analisi della situazione degli ultimi 10 anni che si è caratterizzata per la gravissima carenza di operatori, per la crisi della multi professionalità e per le scelte sbagliate degli assessori che si sono succeduti”, sottolineano gli organizzatori.
“Nel tempo è drasticamente diminuita la capacità dei Dipartimenti di Salute Mentale di rispettare i LEA (Livelli essenziali di assistenza) portando la Sicilia al triste primato di Regione con il maggior numero di TSO in Italia e a poter contare nell’ambito dei ricoveri in riabilitazione-lungodegenza, solo su 7 posti letto ogni 10 abitanti, e solo in strutture di assistenza h 24. Tutto questo accade in senso contrario ai modelli adottati in tutte le altre regioni italiane, che prevedono una differenziazione di tipologia di strutture per patologia e ore di assistenza”.
 
I lavori del convegno saranno presieduti dal segretario generale della FP CGIL Sicilia, Gaetano Agliozzo, e dopo i saluti del direttore dell’ASP Catania Giuseppe Giammanco e del direttore del Dipartimento Salute mentale dell’ASP di Catania, Giuseppe Fichera, sarà Fiorentino Trojano della FP CGIL Medici a presentare il documento sulla Salute Mentale. Subito dopo sono previsti gli interventi dell’ assessore regionale alla SaluteRazza, della  segretaria regionale CGIL Mimma Argurio, del segretario generale della Cgil di Catania, Giacomo Rota, e dei rappresentanti delle associazioni regionali firmatari del documento, e cioè SINPIA-Sicilia , UNASAM Sicilia, CORESAM, Centrali Cooperative (Confcooperative, Unicoop , Legacoop Regione Sicilia), Forum Terzo Settore.
Successivamente interverrà il  segretario regionale FP CGIL Medici Renato Costa, i rappresentanti delle associazioni Familiari e Utenti provinciali della provincia di Messina, per le associazioni della Provincia di Siracusa sarà presente il COPRODIS Coordinamento Provinciale per la Disabilità, per la provincia di Catania interverrà la Consulta Salute Mentale ASP Catania, per la provincia di Palermo l’ associazione familiari “Meravigliosa Mente”, per la provincia di Ragusa l’associazione familiari “Ci siamo anche noi” .
Sono previsti gli interventi delle associazioni Utenti "I Vulcanici" di Acireale , dell’associazione "Chiaramente” di Siracusa , dell’ associazione “Arcobaleno” di Caltagirone. Le   conclusioni saranno affidate al segretario nazionale della CGIL Medici Andrea Filippi
 
Rmdn
Ultimo aggiornamento Venerdì 14 Settembre 2018 21:04