Home Tutte le News Notizie Categorie Filt Cgil Catania. Lavoratori marittimi, stamattina anche a Catania sciopero nazionale contro autoproduzione
E-mail Stampa PDF
Lavoratori marittimi, stamattina anche a Catania sciopero nazionale contro autoproduzione e sit in alla nuova Darsena
 
 
I Lavoratori portuali terminalisti iscritti alla Filt Cgil di Catania, hanno aderito allo sciopero di 24 ore contro l'autoproduzione dei Porti, che a Catania viene attuata dalla compagnia navale Grimaldi, contravvenendo anche al contratto nazionale di settore. La protesta è stata organizzata a livello nazionale da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, preoccupati che anche le altre compagnie navali si adeguino, generando dumping sociale e salariale.
Per il segretario generale della Filt Cgil di Catania, Alessandro Grasso e per il responsabile del settore Porti della Filt, Edoardo Pagliaro, «il rischio è la scomparsa della figura del portuale con la logica conseguenza della perdita di decine e decine di posti di lavoro anche nel nostro porto. Sull’autoproduzione invece le regole ci sono già, e cercare di ridiscutere il tema passando per il regolamento sull’equo accesso alle infrastrutture dell’Art – così come proposto dagli armatori di Confcommercio (Assarmatori) – ha il sapore di una forzatura. Rimaniamo contrari alla liberalizzazione delle autorizzazioni del lavoro in autoproduzione nelle operazioni marittime e portuali».
 
Rmdn
Ultimo aggiornamento Venerdì 11 Maggio 2018 14:58