Home Tutte le News Notizie Categorie Filcams Cgil Catania. Cambi di appalto Enel/3Sun e vigilanza, i sindacati chiedono la sospensione della procedura
E-mail Stampa PDF
Cambi di appalto Enel/3Sun e vigilanza, i sindacati chiedono la sospensione della procedura
 
"Sui cambi di appalto Enel/3Sun, abbiamo chiesto la sospensione della procedura allo scopo di tutelare i lavoratori della vigilanza e il mantenimento del livello occupazionale". I rappresentanti di Filcams Cgil, Fisascat CISL e Uiltucs Uil di Catania, hanno assistito alla procedura del cambio appalto per il servizio di vigilanza alla 3Sun, tenutasi presso il Centro per l’impiego di Catania, e hanno "ritenuto necessario chiedere la sospensione della  procedura e una convocazione urgente al Prefetto".
La preoccupazione é scattata a causa dell'assenza della committente (che è l’unica in grado di fornire un quadro chiaro per procedere serenamente al cambio di appalto nel rispetto delle norme contrattuali di settore e  delle leggi vigenti) e della Sicuritalia, individuata dalla 3Sun quale azienda deputata alla successione.

"L’assenza di quest’ultima, in particolare, rappresenta un grave punto debole  per il regolare adempimento delle procedure relative al cambio appalto - spiegano i rappresentanti sindacali - relativamente al transito del personale alla nuova società. Esprimiamo forte preoccupazione per il concreto rischio di perdita di posti di lavoro e anche per la eccessiva tempestività della committente che richiede l'immediato rientro in servizio dei lavoratori, senza tenere in considerazione la necessaria formazione di personale idoneo alla vigilanza di un sito altamente sensibile. E senza che si siano concluse le procedure dello stesso cambio appalto. È stata dunque chiesta la proroga del servizio. La poca chiarezza oggi colpisce l’appalto della vigilanza Enel/3Sun che continua dopo la perdita di posti di lavoro subita dagli ex lavoratori della ditta Ontario del presidio infermieristico e dell’appalto Pulizie Manital, con drastiche riduzioni orarie subite dai lavoratori. Ci riserviamo dunque di adottare ogni iniziativa sindacale e legale per far valere i diritti dei lavoratori".
Rmdn