Home Tutte le News Notizie Categorie Statale 284, Fillea Cgil chiede avvio cantieri: "Arteria cruciale per l'accesso ai fondi agricoli"
E-mail Stampa PDF
Strada statale etnea 284, la Fillea chiede alla Regione di avviare i cantieri: "Arteria cruciale per l'accesso ai fondi agricoli"
 
 
 
La Fillea Cgil di Catania chiede all'assessorato regionale alle Infrastrutture, l'avviamento dei cantieri per la strada statale Occidentale Etnea SS 284 nel tratto tra Bronte e Adrano, per i cui lavori di completamento sono previste risorse per un totale di 54 milioni di euro. Si tratta di un'opera che potrebbe essere cantierabile in tempi brevi.
In una nota indirizzata al neo assessore Luigi Bosco (già assessore comunale, col quale il sindacato degli edili ha avviato un confronto costruttivo), la Fillea segnala che "la strada statale 284 riveste particolare rilievo - dice Salvatore Papotto segr provinciale Fillea Cgil di Catania - poiché il suo completamento servirà non solo a rendere più sicura e veloce la percorrenza tra Bronte ed Adrano ma renderebbe anche realmente fruibile l'accesso ai fondi agricoli, alle aziende e alle numerose abitazioni presenti lungo il percorso e all'area del Parco dell’Etna, tutti luoghi che rivestono notevole rilevanza turistica, storica, ambientale e ciò soprattutto, non solo a chi cerca lavoro nell'edilizia ma a benefecio dell'intero circuito turistico della zona".
 
 
E aggiunge Giovanni Pistorio, segretario generale Fillea Cgil di Catania: "Sappiamo che sarà una azione ai limiti dell'impossibile ma l'ammodernamento della SS 120 per il tratto Randazzo Fiumefreddo, deve divenire una priorità assoluta. Il nuovo progetto che prevede un finanziamento di circa 300 mln di euro, andrebbe utilizzato in tal senso, anche se al momento non appare sufficientemente giustificato dalle utenze trasportistiche del territorio. Non possiamo arrenderci; lo sviluppo di questa importante arteria di collegamento è necessaria per fare emergere tutte le potenzialità di una intera zona che per bellezze naturalistiche e culturali non ha pari nella nostra isola.
Dal nuovo assessore alle Infrastrutture Luigi Bosco forse ci attendiamo tanto, forse troppo, ma ciò è lecito farlo per chi , come noi, ne conosce le qualità. Mancano pochi mesi alla fine della legislatura, ma ogni giorno di tempo utile può essere speso proficuamente per la messa in cantiere delle opere pubbliche nel nostro territorio, soprattutto per l'ammodernamento del sistema viario"
 
Rmdn