Home Tutte le News Notizie Categorie Jerry Magno nuovo segretario della Filctem Cgil di Catania
E-mail Stampa PDF
Jerry Magno è il nuovo segretario della Filctem Cgil di Catania. Stamattina l’elezione con analisi del settore industriale 
 
 
Jerry Magno, 41 anni, da vent’anni nel sindacato, da stamattina è il nuovo segretario generale della Filctem Cgil di Catania. Prende il posto dell’uscente Giuseppe D’Aquila, segretario generale della Filctem Sicilia e da pochi giorni anche di Siracusa. Magno è stato eletto con 36 favorevoli, 4 astenuti e una scheda bianca.
L’assemblea generale, al quale hanno partecipato anche il segretario nazionale Emilio Miceli e il segretario della Camera del lavoro etnea, Giacomo Rota, ha rappresentato un’occasione per fare il punto sulle vertenze più difficili del settore industria chimica, farmaceutica e tessile, anche grazie alla relazione introduttiva di D’Aquila: “Il nostro territorio è cambiato e sta cambiando, purtroppo in peggio; rapidamente. La nostra zona industriale che si sta in larga parte trasformando praticamente in un mero hub logistico, non ci consente più di stare sereni e silenti. Bisogna fare un’immediata analisi di ciò che è rimasto e puntare a nuove prospettive. Catania si è sempre contraddistinta per le opportunità che ha sempre creato e lo testimonia l’Etna Valley che è stato per lungo tempo sinonimo italiano di Silicon Valley.
 
Un paragone che testimoniava innanzi tutto, la nostra spiccata capacità di guardare al futuro prima degli altri. Innovazione, ricerca e mestieri è sempre stato l’intreccio che ha garantito progettualità e lavoro.
Oggi di tutto questo non è rimasto più nulla, in un silenzio davvero assordante. La Filctem dovrà contribuire all’elaborazione di un iniziativa confederale non più rinviabile su questo tema.
Innovazione, Ricerca, Industria 4.0, investimenti sulla rete idrica, sulla metanizzazione, fanno ancora di questo territorio un luogo dove le opportunità si possono determinare, ma manca la progettualità e lo scambio di interessi sani fra vari soggetti pubblici, privati e sociali”.
Secondo l’analisi della Filctem, dunque, è necessario rideterminare opportunità strategiche territoriali o Catania farà sempre più fatica o sempre più fatica a mantenere le aziende, a partire dalle multinazionali. La Liquigas ha già abbandonato la zona industriale già qualche mese fa, l’Air liquide è sul punto di farlo, la Pfizer potrebbe essere in procinto di cogliere opportunità altrove. Casi complessi e amari per il destino dei lavoratori come quello del laboratorio Myrmex, potrebbero affacciarsi in ogni momento.
 
Il neo segretario Jerry Magno ha subito dichiarato di volere guidare la Filctem in piena continuità con la linea portata del segretario predecessore: “Mi aspetta un lavoro non semplice ma la Filctem è un organizzazione coesa. Continueremo a lottare per impedire che i lavoratori vengano sacrificati sull’altare della finanzia internazionale. Esempi positivi? La nostra azione ha contribuito all’emancipazione della lavoratrici del polo tessile di Bronte, le quali hanno scoperto che esistono le ferie, la malattia, gli ammortizzatori sociali. Sono coscienti di essere persone con diritti conquistati negli anni. Inoltre quattro anni fa la Nuova Cesame era un sogno, oggi i soci lavoratori sono pronti a competere sul mercato nazionale d internazionale. Ma ci sarebbe molto altro da raccontare…”
 
Per Emilio Miceli, “con l’elezione di oggi assistiamo ad un fatto particolarmente positivo, e cioè l’alternarsi di una generazioni di giovani alla guida. La guida del sindacato sino ad oggi si è rivelata capace di gestore vertenze delicate nel settore chimico o tessile, come Myrmex e Cesame. La struttura catanese è tra le più vivaci del Mezzogiorno. La Filctem è per lo più una categoria del nord; quella di Catania è invece uno degli esempi del Sud che vorremmo, dove speriamo si mantengano gli insediamenti industriali e se ne creino degli altri. E soprattutto ci auguriamo che non si sconti un nuovo ventennio di ritardi in vista dell’Industria 4.0”.
 
RMDN
Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Luglio 2017 19:51