Home Tutte le News Notizie Categorie Fiom Cgil Catania su ST: «Riaprire i termini della contrattazione decentrata»
E-mail Stampa PDF
"Ottimo stato di salute della St". Soddisfatta la Fiom Cgil di Catania. Materia: "Chiediamo di riaprire i termini della contrattazione decentrata in tempi brevissimi"
 
 
 
“St Microelectronics a Catania rappresenta una realtà d’eccellenza non solo per il territorio, che tanto ha dato all’azienda in termini di capacità professionali e abnegazione, soprattutto nei momenti più complessi, ma anche per l’intero Meridione d’Italia. Non possiamo permetterci di abbassare la guardia e per questo chiediamo di riaprire i termini della contrattazione decentrata in tempi brevissimi". Il segretario generale della Fiom Cgil di Catania, Stefano Materia, commenta così i dati finanziari di StMicroelectronics recentemente presentati, che evidenziano un ottimo stato di salute della multinazionale franco-italiana della microelettronica: i ricavi netti sono a 1,82 miliardi di dollari, in aumento del 12,9% rispetto ad un anno fa grazie alla crescita in tutti i gruppi di prodotto, il margine lordo avanza del 37,6% in aumento di 420 punti base anno su anno, l'utile netto è di 108 milioni di dollari, con un miglioramento anno su anno di 149 milioni di dollari.
 
Sarà inoltre rinnovato per un anno il mandato a Carlo Bozotti, presidente e Ceo.
Sul futuro della St e dei suoi lavoratori, è intervenuta anche la Fiom Cgil nazionale per bocca della segretaria Roberta Turi che ritiene "questo risultato molto importante, frutto del contributo determinante degli oltre 8.000 dipendenti che operano negli stabilimenti di Catania, Agrate, Castelletto, Napoli, Palermo, Lecce e Aosta. La StMicroelectronics, azienda strategica per il futuro del nostro Paese; l’esempio che le aziende a partecipazione pubblica possono funzionare bene e dare risultati positivi che portano benefici alle casse dello Stato. In tal senso rivendichiamo la nostra iniziativa, portata avanti negli anni scorsi per non far svendere quest'azienda a 'nuovi capitani coraggiosi' o, peggio, a multinazionali straniere che avrebbero rischiato di saccheggiarla di risorse e competenze.
 
Così come rivendichiamo di aver contestato duramente nel 2015 l'inadeguatezza delle scelte che venivano operate e che avevano portato StMicroelectronics a passare dal terzo all’undicesimo posto della classifica mondiale delle aziende produttrici di semiconduttori e a un'erosione dei profitti, nonostante un contesto favorevole e un mercato in forte crescita.”
“La Fiom – continua – ritiene che sia necessario continuare a progettare e immaginare il futuro, partendo dal rilancio dei siti produttivi in Italia e in Francia, che sono e devono restare due pilastri uguali di un edificio solido, che necessita di ulteriori impulsi, così come sia inderogabile l'avvio della trattativa sul contratto aziendale che da troppo tempo langue: sarebbe una pessima scelta, soprattutto in una fase molto positiva come quella attuale, non trasferire parte del benessere conquistato insieme ai lavoratori e alle lavoratrici, che con sacrifici tangibili e misurabili hanno contribuito al rilancio di StM.”
 
“A fine maggio è previsto un incontro tra organizzazioni sindacali, coordinamento nazionale Rsu e azienda.
In quella sede chiederemo di riaprire immediatamente il confronto sulla piattaforma di secondo livello e di accelerare sugli investimenti: lo si deve a tutti i lavoratori che si sono spesi per StMicroelectronics e che negli anni scorsi hanno subìto una rigida politica di austerità, mentre sono aumentati i compensi dei manager e i dividendi degli azionisti, anche nei periodi di maggiori difficoltà aziendali.”
“Dobbiamo andare avanti insieme con coraggio – conclude Turi – a rilanciare nel contesto del programma italiano ed europeo di industria 4.0 un nuovo progetto di occupazione di qualità e di sviluppo.”
La Fiom Cgil di Catania si dice inoltre certa "che l’avvento dell’Industria 4.0 possa rappresentare un valore aggiunto in termini di occupazione qualificata, ma solo se saranno avviate le necessarie fasi di formazione dei lavoratori, affinché non arrivino impreparati alla imminente svolta digitale della quale la St, è stata un’importante azienda precorritrice”, conclude Materia.
 
Rmdn