Home Tutte le News Comunicati Stampa Villari e Agliozzo su Educandato Regina Elena
E-mail Stampa PDF
Educandato Regina Elena, Angelo Villari e Gaetano Agliozzo: “Incontro con la Regione per continuare l'attività”
 
 
La  CGIL  e la F.P. (Funzione pubblica) di Catania chiedono un immediato  ed urgente incontro  con  la Presidenza della Regione e l’assessorato alla Famiglia, insieme al nuovo commissario dell’Istituto, al Comune di Catania, alla Provincia Regionale di Catania, per affrontare  i problemi che l’Educandato sta vivendo  alla luce anche della sempre più  insistenti voci di un suo ridimensionamento  e di un diverso utilizzo  dei suoi locali, che possono determinare la  dispersione delle professionalità  in esso presenti e del  patrimonio importante che esso rappresenta per la nostra comunità.
 
In una nota ufficiale il segretario generale della Camera del lavoro Angelo Villari e il segretario provinciale Fp Cgil Gaetano Agliozzo sottolineano: “ che questa importante struttura  di assistenza e servizio, che da oltre cento anni svolge un ruolo decisivo per il sostegno di bambini, ragazzi e famiglie  bisognose,  debba continuare nella sua opera di assistenza e recupero. In queste settimane  l’Educandato ha assicurato  assistenza ed accoglienza con la sua esperienza e la sua professionalità a tanti bambini e  ragazzi immigrati che  sono arrivati nella nostra  regione dai paesi del nord Africa.
E’ questo il ruolo che  questo importante istituto assolve nel territorio,  ed è per questo che la CGIL e la  sua categoria F.P. sono convinte della necessità di  un  suo rilancio. La comunità catanese e provinciale non può fare a meno dell’Educandato Regina Elena  per sostenere e assistere  i bambini, i ragazzi e le famiglie  più bisognose della nostra società”.
CGIL e F.P. dichiarano  sin da adesso che  “in assenza  del confronto  richiesto e di risposte  precise  ai problemi sollevati, saranno costrette ad intraprendere tutte le iniziative sindacali, legali e di lotta necessarie a tutelare l’Educandato,  la sua funzione  di assistenza, insieme alla tutela dei lavoratori che con grande senso di solidarietà, professionalità ed abnegazione   vi operano.
RMDN 
Ultimo aggiornamento Sabato 16 Aprile 2011 09:17