Home Tutte le News Notizie CGIL Cgil, Cisl, Uil, UGL Catania, “Università bandita”: “Sbigottiti e amareggiati”
E-mail Stampa PDF
“Università bandita”, sindacati: “Sbigottiti e amareggiati. Non può esistere una casta ereditaria del sapere”
 
 
Intervento dei segretari generali di Cgil, Cisl, Uil, UGL di Catania, Giacomo Rota, Maurizio Attanasio, Enza Meli e Giovanni Musumeci a proposito dell’inchiesta sui concorsi truccati all’Ateneo catanese
 
Sbigottisce e amareggia il contesto che emerge in queste ore dall’inchiesta “Università bandita”. Non solo per il sistema di assegnazione dei concorsi, che appare ancora legato alle antiche logiche di baronaggio e becero familismo, ma anche per i contenuti delle Intercettazioni che ci riportano ad una realtà fatta di guerre interne, ripicche, accordi di ferro che inevitabilmente vanno a discapito del merito dei singoli.
Leggere i contenuti diffusi dalla Procura di Catania fa male a chi crede davvero nella meritocrazia e che il lavoro sia un diritto, e che esso sia legato anche alle legittime aspirazioni personali, frutto di duri percorsi di studio e pesanti sacrifici. Siamo certi che però c’è tanto di sano da salvaguardare e per questo siamo dunque grati alla Magistratura per avere scoperchiato un sistema che forse, in qualche modo, spiega le ragioni del declino dell’Ateneo in questi anni, e naturalmente ci auguriamo che si faccia chiarezza caso per caso e per ogni reale grado di responsabilità. Se però le accuse dovessero essere confermate, sarebbero necessarie le dimissioni delle più alte cariche d’Ateneo, a garanzia della città stessa.
Teniamo a sottolineare che le carriere accademiche, proprio perché legate ai livelli più alti di conoscenza, debbano essere aperte alle reali opportunità e al merito e non certo alle dinamiche di potere familiare. Non può esistere una casta ereditaria del sapere ed è necessario che ciò avvenga anche a tutela dei bravi docenti e degli studenti impegnati a Catania, sostenuti con sacrifici dalle famiglie. Abbiamo bisogno di fermare la fuga dei nostri migliori cervelli da Catania e abbiamo bisogno di poter ancora credere che nella nostra gloriosa Università solo i migliori siedano in cattedra e nei laboratori di ricerca. - I segretari generali di Cgil, Cisl, Uil, UGL di Catania, Giacomo Rota, Maurizio Attanasio, Enza Meli e Giovanni Musumeci.
 
Rmdn