Home Tutte le News Notizie CGIL Congresso CGIL: l’intervento di Susanna Camusso
E-mail Stampa PDF
Sintesi dell’intervento di Susanna Camusso al XV Congresso della CGIL di Catania
 
"Alla fine di questa prima stagione di congressi di base e delle camera del lavoro, possiamo dirci che abbiamo fatto bene a fare un congresso nel quale abbiamo scelto di ascoltare ciò che i lavoratori e lavoratrici dicono della loro condizione . Sarebbe stato sbagliato continuare solo ad assecondare la difesa dei diritti e non provare invece ad individuare delle strade di uscita più significative".
"La nostra campagna congressuale si è avvalsa dal "Piano del lavoro" . Oggi possiamo rivendicare con orgoglio che se ieri all'ordine del giorno del consiglio dei ministri e poi nei provvedimenti che sono stati fatti, c'erano argomenti come la riduzione fiscale per i lavoratori dipendenti é anche perché questo sindacato si mobilita da anni, nelle piazze e nella manifestazioni".
 "Non c'è politica possibile per rimettere in moto i consumi se non quella di aumentare il reddito dei lavoratori. Dobbiamo rivendicare alla nostra organizzazione le modalità con le quali si accetta di intervenire, che sono da sempre quelle che abbiamo sempre indicato. Si può uscire da questa crisi scegliendo una strada diversa da quella dell'austerità dei tagli che ci hanno imposto per sei anni e che ha continuato ad essere causa del peggioramento della crisi".
"In varie occasioni abbiamo detto che mentre è indiscutibile l'attività sul versante della legalità fatta dalla Regione Siciliana, in termini di sviluppo, di utilizzo delle risorse, di investimento dei fondi strutturali e anche di riorganizzazione della macchina amministrativa dell'Isola, non mi pare che ci siano dei risultati. Non abbiamo visto il cambiamento necessario, non si possono aprire tutti i fronti e non portarne neanche uno a conclusione. Mi pare giusto e necessario invocare la politica nazionale che riduca la diseguaglianza tra nord e sud ma e' altrettanto necessario che nelle Regioni del Sud si decida di cambiare il passo dal punto di vista dell'utilizzo delle risorse e delle scelte per gli investimenti".
 

RMDN