Venerdì 15 Febbraio 2019 19:29
Stampa
Coop sociali e Comune in dissesto: due mensilità a lavoratrici asili nido. Oggi annuncio e confronto in Prefettura
 
 
Saranno versate due mensilità alle lavoratrici catanesi delle Coop sociali che si occupano degli asili nido, e ciò avverrà per trasmissione diretta dal Comune ai dipendenti. Per i restanti mesi occorre attendere ancora qualche settimana per comprendere come si dovrà operare. Per Cgil, Cisl, Uil e Ugl, insieme a FP Cgil, FP Cisl, Uilp Uil e Ugl si tratta di un “passaggio positivo che sbloccherà la delicata situazione degli asili nido”. 
Questo è quanto emerso da un lungo incontro avvenuto in Prefettura, al quale hanno partecipato anche il rappresentante del Consorzio Il Glicine, il sindaco Salvo Pogliese e l’assessore comunale ai Servizi sociali Giuseppe Lombardo. Dopo le rassicurazioni del primo cittadino,  le lavoratrici hanno responsabilmente deciso di ripristinare il servizio già da domani e da lunedì i bambini potranno ritornare ad usufruire del servizio. 
 
Il Prefetto ha inoltre informato i rappresentanti sindacali, che i commissari che dovranno gestire la delicata fase del dissesto del Comune di Catania si insedieranno la prossima settimana. Ciò consentirà all’ente di valutare, caso per caso, tutti i ritardi nei pagamenti ai creditori per l’anno 2018.  Cgil, Cisl, Uil e Ugl, e le relative sigle di categoria della funzione pubblica (presenti alla riunione in rappresentanza dei sindacati, rispettivamente, Rosaria Leonardi e Turi Cubito, Maurizio Attanasio e Armando Coco, Enza Meli e Stefano Passarello, e Angelo Mazzeo), hanno chiesto chiarimenti su come verranno gestite le paghe arretrate e la risposta definitiva dovrebbe arrivare proprio a seguito dell’insediamento. Il dubbio delle organizzazioni sindacali è se i crediti rientrino o meno nella passività, e dunque se subiranno tagli a danno degli aventi diritto. Ma anche su questo punto bisognerà attendere l’azione dei commissari. L’amministrazione comunale si è inoltre impegnata a versare correttamente i pagamenti nei mesi a venire per il 2019; l’ orientamento è stato accolto con favore dai rappresentanti delle sigle sindacali.
 
Rmdn