Home
E-mail Stampa PDF
Vertenza Myrmex, sindacati delusi dalla Regione. Assessore Razza assente al MISE
 
 
Si è tenuta lunedì scorso l’assemblea dei lavoratori della Myrmex per fare il punto sulla situazione della vertenza a seguito dell’incontro al Ministero Sviluppo economico.
Si dichiarano profondamente deluse dall’atteggiamento delle Istituzioni regionali che al tavolo ministeriale sono state rappresentate da persone senza potere decisionale. Assente l’assessore regionale Razza, che avrebbe dovuto rappresentare il Presidente Musumeci.
Di conseguenza, non sono state proposte soluzioni atte a concludere positivamente e definitivamente la vertenza Myrmex, e non sono state date risposte ai lavoratori che da mesi, ed alcuni da più di un anno, sono privi di qualsiasi fonte di sostentamento.
Dal 2011 ad oggi, tre amministrazioni regionali ci hanno riempito di tante belle parole. Ma nessuna di queste amministrazioni si è presa la briga di proporre soluzioni concrete che favorissero i lavoratori e che contribuissero al bene della nostra terra. Non lo ha fatto Lombardo, non lo ha fatto Crocetta e non lo ha fatto Musumeci.
 
Riteniamo che non sia accettabile che si continui a recitare questo triste e squallido copione da parte di chi ci rappresenta, senza arrivare mai al finale, senza nessuna assunzione di responsabilità, senza rispetto per i lavoratori e per i cittadini e senza amore per la nostra terra.
Chiediamo a Musumeci di intestarsi questa vicenda in prima persona e di non delegare altri, dal momento in cui la delega, sino a questo momento non è stata esercitata.
Non è accettabile che la Sicilia e Catania siano private di un centro di eccellenza quale quello che Myrmex ha indegnamente ricevuto in dono da Pfizer, buttando letteralmente via 80 ricercatori, come fossero inutile zavorra, privandoli della loro dignità professionale.
Nel frattempo, in seguito alla richiesta fatta dalla FILCTEM e dalla CGIL di Catania, di accesso agli atti pubblici riguardanti i rapporti tra Myrmex e Regione Sicilia, in ottemperanza alla legge sulla trasparenza, a breve i sindacati riceveranno una convocazione all’assessorato regionale per visionare tali atti e verificare se – quello che noi pensiamo sulle inadempienze di Myrmex – abbia un fondamento documentale.
 
Dopodiché, ripartiremo dalla Prefettura come stabilito in seguito all’ultimo incontro di settembre e successivamente dovremmo rivederci al MISE.
Ma adesso ci vogliono soluzioni, adesso bisogna porre la parola fine su anni di scempio che hanno mostrati il peggio della politica e della finanza siciliana e nazionale.
Il tempo è scaduto. Non possiamo più aspettare”.
Alla riunione svoltasi presso il Ministero dello Sviluppo Economico, erano presenti oltre che il MISE, il MIUR ed i capi di gabinetto dell’assessorato siciliano alle attività produttive e quello del dipartimento lavoro dello stesso assessorato.Presenti anche Sergio Cardinali (FILCTEM nazionale), Salvatore Barone (CGIL nazionale), Giovanni Romeo (FILCTEM CGIL – Catania) oltre che Nuccio Canarelli RSU della Myrmex e la Coop dei lavoratori rappresentata dalla Presidente Orsola Giampiccolo e da Giancarlo Geremia.
 
Rmdn
Ultimo aggiornamento Mercoled√¨ 31 Ottobre 2018 20:00