Home
E-mail Stampa PDF
Catania. Studenti fuorisede, via alla campagna Sunia, Koinè e UDU contro gli affitti in nero
 
 
(Foto di repertorio)
 
"A Catania mancano i posti letto offerti dal pubblico". A fronte di più di 1200 richieste sono solo 698 i posti che l’Ersu può mettere a disposizione
 
Il SUNIA, Koinè e UDU promuovono una campagna  rivolta agli studenti universitari  fuorisede che ha come obiettivo la lotta contro gli affitti in nero e l’assistenza degli universitari  per  l’affitto regolare di una casa in buone condizioni. Spesso infatti gli studenti dell’Ateneo catanese si trovano soli di fronte all’esigenza di avere una casa, esigenza che nella maggior parte dei casi non coincide con il diritto ad avere un regolare contratto d’affitto né tanto meno un alloggio decoroso. 
Spiegano Giusi Milazzo segretaria generale del SUNIA, Giuseppe La Porta coordinatore Koinè e Giovanni Timpanaro coordinatore UDU, che "una  delle conseguenza più grave dei tagli sul diritto allo studio è in primo luogo il blocco della predisposizione da parte dell’Ersu dei posti letto sufficienti ad accogliere la domanda degli studenti. A fronte di più di 1200 richieste sono solo 698 i posti che l’Ersu può mettere a disposizione tanto che il nostro ateneo si contraddistingue per l’unicum giuridico dell’idoneo non assegnatario, perché secondo i parametri imposti dalle normative vigenti in materia e dato il basso reddito si ha diritto all’alloggio pubblico ma date le condizioni vigenti quel diritto resta solo un mero aspetto formale senza alcuna applicazione". 
 
Mancano dunque i posti letto offerti dal pubblico e sul mercato  sono proposte abitazioni alle volte in condizioni poco decorose con affitti spesso  in nero. Sunia, Koinè e UDU ritengono fondamentale "portare avanti una ampia sensibilizzazione sui vantaggi che la registrazione di un contratto d’affitto può portare agli studenti e ai proprietari".
Per gli studenti è prevista la possibilità di scaricare le spese del canone dalla dichiarazione dei redditi propria o dei genitori e la possibilità di fruire del bonus erogato dall’Ersu, per i proprietari invece date le condizioni contrattuali predisposte negli accordi territoriali è previsto un dimezzamento dell’imposta che passa dal 21 al 10%. Inoltre nei mesi scorsi è stata effettuata una raccolta firme , tra gli studenti dell’ ateneo e indirizzata al Rettore dell‘Università degli Studi di Catania, per richiedere una riduzione delle tasse universitarie a quegli studenti che contestualmente all’iscrizione presentano contratto regolarmente registrato. La richiesta verrà presentata nelle prossime settimane agli uffici competenti.
 
L’assistenza  non si ferma al dato informativo ma accompagna studenti e proprietari di casa fino alla stipula e alla registrazione del contratto grazie alle competenze messe in campo dal Sunia. E’ anche in corso la predisposizione di una white list di proprietari virtuosi che offrono alloggi in ottime condizioni con regolare contratto d’affitto. Chi fosse interessato a farne parte può rivolgersi agli sportelli del Sunia o ai banchetti  informativi appositamente predisposti  già dalle giornate in cui si effettueranno i test  d’ingresso all’università di Catania. Koinè Udu e Sunia  saranno poi presenti con cadenza regolare all’interno delle facoltà oppure tramite la pagina facebook che verrà lanciata a breve, white list affitto casa studenti Catania, dove sarà possibile incrociare domande e offerte di posti letto decorosi per studenti .
Inoltre grazie alla convenzione tra i due sindacati , gli studenti potranno usufruire di agevolazioni  sul tesseramento e l’assistenza.
 
Rmdn
Ultimo aggiornamento Venerdì 27 Luglio 2018 17:24